Archivio Ganapini

Riordino e valorizzazione dell’archivio storico del dott. Walter Ganapini

Archivio Ganapini

Sisifo Società Benefit tra il 2022 e il 2023 ha svolto il lavoro di riordino e inventariazione dell’archivio documentale e digitale inerente l’attività del dott. Walter Ganapini, Ambientalista e Membro Onorario del Comitato Scientifico dell’Agenzia Europea dell’Ambiente. Da Direttore generale di ARPA Umbria è stato tra i promotori del Progetto Fra’ Sole; ora è Coordinatore del Comitato Scientifico del Progetto di Sostenibilità della Basilica di San Pietro.

BIO
  • 90% Green economy
  • 90% Sostenibilità
  • 80% Networking
  • 80% Comunicazione
  • 60% Pubbliche relazioni
  • 60% Lobbying

Indice di resilienza

8/10

Nato a Reggio Emilia nel 1951, Walter Ganapini ha dedicato la sua vita alla difesa dell’ambiente. Sin da giovane, si è impegnato attivamente in questo campo, diventando uno dei pionieri dell’ambientalismo italiano. La sua vita, è stata scandita da un impegno civile e istituzionale che lo ha visto protagonista di momenti significativi: sul finire degli anni ’70 entra a far parte del gruppo fondatore di Legambiente, di cui diventa membro del Direttivo per oltre due decenni; dal 1994 al 2002 è Membro Effettivo del Comitato Scientifico dell’Agenzia Europea dell’Ambiente, di cui ora è membro onorario; dal 1995 al 1997 è Assesssore tecnico all’Ambiente del Comune di Milano; dal 1997 al 1998 Presidente del CdA di AMA di Roma; dal 1998 al 2001 presiede l’Agenzia Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (ANPA); dal 2002 al 2005 fonda e dirige l’Istituto di analisi e certificazione ambientale ed energetica ‘Macroscopio’; dal 2005 al 2007 presiede Greenpeace Italia; dal 2008 al 2010 è  Assessore tecnico all’Ambiente presso la Regione Campania; nel 2009 entra a far parte del Direttivo di GreenCross Italia (Fondazione Gorbatchev); dal 2014 al 2019 guida l’ARPA Umbria come direttore generale; dal 2017 al 2022 è Coordinatore scientifico del progetto Fra’ Sole. Attualmente è membro del Comitato Etico di Etica SGR e Coordinatore Comitato Scientifico del ‘Progetto per la sostenibilità della Basilica di S.Pietro’ presso Fabbrica di S.Pietro. Significativo anche il suo impegno nella divulgazione e nella formazione sia attraverso un’intensa attività convegnistica che attraverso la pubblicazione di testi come La Risorsa Rifiuti (ETAS Libri, 1978), Oltre l’ecologia (ETAS Libri, 1980) e Ambiente made in Italy (Aliberti Edizioni, 2004).


SCENARIO

L’”Archivio Ganapini” è l’archivio personale e professionale del dott. Walter Ganapini, assemblato nel corso della sua cinquantennale attività politica, culturale, scientifica e lavorativa e composto da un segmento cartaceo e da un segmento digitale, nei quali è conservata:

  • la documentazione sull’esperienza politica e formativa, sui ruoli tecnici all’interno delle amministrazioni locali cittadine e provinciali, sugli incarichi di direttore generale dell’ARPA dell’Umbria, presidente del Consiglio di amministrazione dell’ANPA, assessore Verde Ambiente (AVA) presso il Comune di Milano, consigliere di amministrazione dell’AMSA di Milano, direttore della divisione “Pianificazione di sistemi ecoenergetici” di Lombardia Risorse Spa, consulente della presidenza di ENEA, presidente dell’AMA di Roma, assessore tecnico all’ambiente della Regione Campania per l’emergenza rifiuti, nonché su numerosi altri incarichi in istituzioni italiane e straniere;
  • la documentazione su molte altre attività condotte da Walter Ganapini (presidente di Greenpeace Italia, presidente di Macroscopio, membro dell’Agenzia Europea dell’Ambiente)
  • un’ampia serie di scritti, pubblicazioni, attività scientifica, interviste e convegni, una sezione audiovisiva e una emeroteca specializzata. 


OBIETTIVI

  • Riordino e inventariazione dell’archivio
  • Conferimento ad un istituzione/ente che potesse renderlo disponibile al pubblico e valorizzarlo con adeguate attività di promozione culturale.


ATTIVITÀ

In una prima fase Sisifo ha preso in carico il riordino del materiale che era custodito all’interno di scatole in un appartamento della famiglia del dott. Ganapini. Questo primo riordino ha consentito di ricollocare il materiale secondo una suddivisione tematica e una progressione temporale all’interno di più di 300 faldoni/raccoglitori sistemati in scaffali per complessivi 45 metri lineari e altri materiali contenuti in scatole.

In una seconda fase Sisifo ha coinvolto due esperti archivisti, il dott. Mario Lanzafame e il dott. Carlo Podaliri, che hanno definito ed eseguito il piano di riordino e inventariazione del materiale secondo il dettaglio seguente:

  • Identificazione delle serie dall’ordinamento cronologico precedente
  • Identificazione delle sottoserie e/o delle filze “sparse”
  • Stesura dell’albero archivistico
  • Stesura primo inventario sommario (segnatura fascicoli e dorsi buste), conteggio fascicoli, descrizione inventariale a livello, serie e sottoserie, filze e fascicoli.
  • Stesura di possibili collegamenti e connessioni con altre risorse on line sui temi e sui contenuti dell’archivio.
  • Stesura dei collegamenti con le partizioni audiovisive digitalizzate.
  • Stesura di schede produttori e/o enti: istituzioni, enti pubblici e privati, movimenti, protagonisti e personaggi della vita pubblica italiana.
  • Individuazione dei documenti soggetti a non consultabilità
  • Individuazione di una bibliografia minima da inserire nella scheda del fascicolo inventariato
  • Condizionamento appropriato: eliminazione plastiche, cavalieri metallici ed elastici; predisposizione carpettine e faldoni acid free
  • Previsione di possibili scarti
  • Previsione di possibili azioni di restauro
  • Previsione di possibili digitalizzazioni

Essendo l’archivio oggetto di costante implementazione, si è scelto di perimetrarlo cronologicamente negli anni che vanno dal 1962 al 2020, di redigere dei corrispondenti documenti cartacei/digitali e video un inventario definitivo e di individuare un ente/istituzione che potesse acquisirlo per valorizzarlo: tale ente è stato identificato nella Fondazione Feltrinelli che nel dicembre 2023 ha acquisito il fondo e iniziato a curare l’inventariazione digitale e la pubblicazione dell’inventario per la valorizzazione del patrimonio storico culturale rappresentato dall’archivio.

Sisifo continua costantemente a implementare l’archivio documentale e digitale degli anni successivi al 2020 con l’intento di predisporne in seguito il riordino e l’inventariazione in vista di un ulteriore conferimento.


I BENEFICI DERIVATI

Il lavoro di riordino, inventariazione e conferimento dell’Archivio Ganapini 1962-2020 ha consentito di:

  • preservare un patrimonio di esperienza, riflessione e storia dell’ambientalismo italiano
  • rendere accessibile e fruibile tale patrimonio affinché studiosi, esperti del settore e in genere le future generazioni possano attingere ad esso

 

PER APPROFONDIRE

Di più sul Dott. Walter Ganapini
Scheda di Fra’ Sole e rete dei portatori di valore su sisifo.eu

 

Progetti correlati

Articoli correlati